fbpx
Uno Sguardo sul MondoI FOTOGRAFI DI AFP
I gilet gialli

Il cosiddetto movimento dei “gilet gialli” si è affievolito durante l’estate, ma i suoi leader sperano di galvanizzare il sostegno per una nuova ondata di manifestazioni in tutto il paese, mentre il governo avvia una riforma del sistema pensionistico francese.

Il movimento dei gilet gialli è nato lo scorso novembre 2018, innescato dalla rabbia per un aumento delle tasse sul carburante. Si è rapidamente evoluto in un movimento più ampio contro Macron, accusato di ignorare le sfide quotidiane dei lavoratori a basso reddito che abitano i piccoli centri nella Francia più rurale.

Le proteste hanno scosso la presidenza di Macron, che alla fine ha svelato un piano di quasi 17 miliardi di euro in aumenti salariali e riduzioni fiscali per i lavoratori a basso reddito per placare le proteste.

Il Presidente ha promesso di gestire meglio le contestazioni degli elettori dopo mesi di dibattiti svoltisi tra le mura istituzionali.

Il movimento ha coinvolto 282.000 persone a livello nazionale durante il primo giorno di protesta programmato per il 17 novembre, ma il loro numero è diminuito drasticamente entro la scorsa primavera e durante l’estate sono state registrate solo proteste sporadiche.

afp.com

I fotografi presenti in questo percorso espositivo che hanno raccontato le vicende dei Gilet gialli per l’agenzia AFP sono: 

Zakaria Abdelkafi, Sameer Al-Doumy, Abdulmonam Eassa, GEORGES Gobet, Valery  Hache,Alain Jocard, Jean-Philippe Ksiazek, Romain Lafabregue, Philippe Lopez, Charly Triballeau, Nicolas Tucat, Geoffroy Van der Hasselt, Loic Venance.

afp.com

Footer version 1