fbpx
Monika BulajBroken Songlines - Tre Manoscritti

SABATO 26 OTTOBRE 2019 ore 21:00

PERFORMANCE TEATRALE  “Broken Songlines – Tre Manoscritti

di Monika Bulaj

Broken Songlines - Tre Manoscritti

Monika Bulaj viaggia tra i confini spirituali, nei crocevia dei regni dimenticati, dove scintillano le fedi e le tradizioni dei più deboli ed indifesi, con la loro resistenza fragile ed inerme, la loro capacità al dialogo e all’incontro. In cammino con i nomadi, minoranze in fuga, pellegrini, cercando il bello anche nei luoghi più tremendi. La solidarietà nella guerra. La coabitazione tra fedi laddove si mettono bombe. Le crepe nella teoria del cosiddetto scontro di civiltà, dove gli dei sembrano in guerra tra di loro, evocati da presidenti, terroristi e banditi.

Il suo spettacolo è una performance multimediale: sul grande schermo, con luci e suoni, scorrono storie di amori e separazioni, resistenze e fughe, danze sacre e cammini, dei silenzi nei grandi spazi e masse che ondeggiano come alghe, accompagnati dal reportage in azione. Una narrazione estemporanea.

SABATO 26 OTTOBRE 2019 ore 21:00

PRENOTA IL TUO POSTO alla performance teatrale  “Broken Songlines – Tre Manoscritti” di Monika Bulaj

COMPILA IL FORM

MONIKA BULAJ, fotografa, reporter, documentarista e performer, svolge la sua ricerca sui confini delle fedi tra minoranze etniche e religiose, popoli nomadi e fuggiaschi, in Europa, Asia, Africa e nei Caraibi.

Ha studiato la filologia all’Università di Varsavia, seguito corsi di antropologia, filosofia, teologia. Abita a Trieste. Parla otto lingue, ha tre figli, pubblica con Granta Magazine, La Repubblica, Corriere della Sera, Revue XXI, Internazionale, GEO, National Geographic,  the New York Times, e Guardian, etc. Autrice di libri di reportage letterario e fotografico con Alinari, Skira, Frassinelli, Electa, Feltrinelli, Bruno Mondadori, National Geographic, Contrasto. I suoi ultimi libri sono: Where Gods Whisper (Contrasto), Genti di Dio. Viaggio nell’altra Europa (Postcart), Nur. Afghan Diaries (National Geographic Poland), Nur. La luce nascosta dell’Afghanistan (Electa, scelto da TIME come uno dei migliori libri fotografici del 2013). Tra i riconoscimenti ricevuti:  Leonian award di W. Eugene Smith Memorial Fund; TED Fellowship ; Aftermath Project Grant; Bruce Chatwin Special Award for Photography “Absolute Eyes”. Nel 2014 le è stato consegnato il Premio Nazionale “Nonviolenza”, per la prima volta assegnato ad una donna, con questa motivazione: “per la sua attività di fotografa, reporter e documentarista, capace di mettere in luce l’umanità esistente nei con ni più nascosti eppure evidenti della terra, di far vedere la guerra attraverso le sue conseguenze, di indagare l’animo dell’Uomo, la sua ansia di religiosità, di tenerezza e di dignità. Monika Bulaj rende visibile l’invisibile, attraverso l’esplorazione dell’animo delle persone, creando con l’immagine, l’unità dell’umano.”  Il suo lavoro in corso è sostenuto da Pulitzer Center on Crisis Reporting. 

Torna indietro

Spazio Tematico

Torna indietro

Spazio Tematico