Frammenti di fotografia al Festival della fotografia EticaWorkshop

Il workshop è articolato in 3 incontri durante i quali toccheremo alcuni degli aspetti cruciali della fotografia, della sua storia e del suo linguaggio.

Partiremo dall’analisi del concetto di icona e cercheremo di coglierne l’essenza passando in rassegna una carrellata delle fotografie più note scattate nel corso dell’ultimo secolo. Ci chiederemo: che cosa rende un’immagine “iconica”? ll suo status particolare dipende da caratteristiche intrinseche o estrinseche all’immagine stessa? In che modo il contesto di ricezione dell’immagine contribuisce ad alterarne lo statuto?

Nel secondo incontro ci concentreremo su ciò che accade prima dello scatto, sulle condizioni e i presupposti che portano il fotografo al concepimento dell’immagine, raccontando le storie e le peripezie che i fotografi hanno dovuto fronteggiare per realizzare i loro scatti.

Il terzo sarà dedicato alle fotoreporter di guerra che mettendo a repentaglio la propria vita hanno contribuito a scrivere interi capitoli della storia della fotografia. In questo modo cercheremo di ridare dignità alla vita e alle opere di quelle donne che per troppo tempo sono rimaste ai margini della storiografia ufficiale.

TRE INCONTRI SULLA FOTOGRAFIA

BIBLIOTECA LAUDENSE | VIA SOLFERINO, 72

Sabato 6 Ottobre - ore 14.30LE ICONE DI FOTOGRAFIA

Alcune fotografie si sono impresse a fuoco nella memoria collettiva, determinando una svolta nella coscienza dell’uomo moderno;
altre hanno segnato irrimediabilmente il corso degli eventi, gettando nuova luce su alcuni degli avvenimenti cruciali della storia del ‘900.
Che cosa trasforma un’immagine in un’icona, rendendo immortale il proprio messaggio?

Sabato 13 ottobre - ore 14.30Le storie dietro le fotografie

Il valore di certe immagini non dipende solo dalla bellezza che sanno evocare, ma anche dalle peripezie che i loro artefici hanno fronteggiato per realizzarle. Racconteremo le storie straordinarie che si celano dietro alcuni celebri scatti che testimoniano il valore, l’intuito e la spregiudicatezza dei loro autori.

Sabato 20 ottobre - ore 14.30Donne al fronte

Gerda Taro, Lee Miller, Margaret Bourke-White sono alcune delle fotoreporter che hanno documentato gli orrori delle guerre, sfidando la paura, le convenzioni sociali e i pregiudizi del loro tempo. Le loro immagini hanno contribuito non solo all’evoluzione linguistica di questo mezzo espressivo, ma con il loro esempio hanno aperto nuove strade alle donne che sarebbero venute dopo di loro.

Sabato 6 Ottobre - ore 14.30LE ICONE DI FOTOGRAFIA
Alcune fotografie si sono impresse a fuoco nella memoria collettiva, determinando una svolta nella coscienza dell’uomo moderno;
altre hanno segnato irrimediabilmente la storia, contribuendo a deviarne il corso.
Che cosa trasforma un’immagine in un’icona, rendendo immortale il proprio messaggio?
Sabato 13 ottobre - ore 14.30Le storie dietro le fotografie
Il valore di certe immagini non dipende solo dalla bellezza che sanno evocare, ma anche dalle peripezie che i loro artefici hanno fronteggiato per realizzarle.

Racconteremo le storie straordinarie che si celano dietro alcuni celebri scatti che testimoniano il valore, l’intuito e la spregiudicatezza dei loro autori.

Sabato 20 ottobre - ore 14.30Donne al fronte
Gerda Taro, Lee Miller, Margaret Bourke-White. Questi ad altri nomi di coloro che hanno sfidato le convenzioni sociali, oltre alla paura, per documentare gli orrori delle guerre.

ISCRIZIONE E COSTI

Costo intero ciclo di 3 incontri: 50 euro
Costo incontro singolo: 20 euro
Info e iscrizioni: info@frammentidifotografia.it
Qualora il giorno 3 Ottobre non si sia raggiunto il numero minimo per l’attivazione, il corso sarà annullato e le eventuali quote versate restituite
In caso di iscrizione attendere il messaggio di conferma attivazione del corso da frammenti di Fotografia.

I workshop sono realizzati a cura di Frammenti di Fotografia. Frammenti di fotografia nasce a Mantova nel 2015 da un’idea di Ruggero Ughetti e Marco Brioni con l’intento di raccontare la fotografia, la sua storia, i suoi protagonisti e il suo linguaggio. 

Lo fa adottando un approccio interdisciplinare che favorisce la contaminazione dei linguaggi e l’ibridazione dei metodi di indagine.