Sara Naomi Lewkowicz - Shane and Maggie: A Portrait of Domestic Violence


 
  • Facebook
  • Google Plus
  • Twitter
  • Pinterest
  • LinkedIn

World.Report Award

World.Report Award 2013 – Spot Light Award

Motivazioni del premio

L’autrice ha saputo raccontare nel dettaglio le vicende e i traumi delle violenze domestiche scegliendo di mostrare la vita di Maggie.
La storia familiare del soggetto diventa paradigma per mostrare visivamente le dinamiche dei rapporti familiari che progressivamente degenerano in violenza e dolore.
Uno stile narrativo lineare e la scelta di affrontare il tema attraverso la storia di una persona coinvolta mentre i fatti accadono danno al reportage una potente carica emotiva, oltre a una chiave di lettura della storia diretta e immediata.

Shane and Maggie: A Portrait of Domestic Violence

La violenza domestica è un crimine largamente invisibile.
Solitamente ne sentiamo parlare solo in modo fioco tra le mura di casa e lo vediamo solo manifestato dal giallo e viola sbiadito dei lividi di una donna che “ha sbattuto contro il muro” o “è caduta dalle scale”.
Raramente si limita a un solo evento, e raramente si ferma.
Il mio progetto “Shane and Maggie” cerca di rappresentare l’abuso domestico come un processo, piuttosto che come un singolo incidente, esaminando come il modello dell’abuso si sviluppa ed eventualmente culmina, ma vuole anche far vedere gli effetti che provoca a a breve e a lungo termine sulle vittime, i loro famigliari e l’abusatore.

I nostri unici incontri con questi abusi avvengono vedendo le vittime durante il giorno, dopo aver sofferto. Questo progetto è un punto di partenza perchè ho testimoniato l’intera relazione di Maggie e Shane, da un mese dopo l’inizio del loro corteggiamento, fino alla sua fine, che ha lasciato lei coi lividi e lui con le manette.

Ho continuato a seguire Maggie, visto che la sua storia non si conclude con l’arresto di Shane. Maggie si è trasferita in Alaska, nella speranza di riunirsi col marito Zane, che è il padre dei suoi due figli, un soldato. Il mio secondo obiettivo è di esaminare gli effetti a lungo termine degli abusi che lei ha subito sulla sua nuova relazione, sui figli e sulla percezione che lei ha di se stessa. Osservando le similitudini tra il disturbo post-traumatico da stress di cui Maggie soffre, e quello che sente il marito, anche lui affetto dalla stessa nevrosi, è possible esplorare le similitudini tra la Guerra che combattiamo all’estero, e quella che invece combattiamo tra le mura domestiche.

 

Sara Naomi Lewkovicz

Sara Lewkowicz è nata a New York e ha conseguito un master in comunicazione visiva all’Ohio University di Athens. Ha conseguito la sua laurea in giornalismo alla University of North Carolina a Chapel Hill. Al momento sta studiando a Londra.
I suoi lavori sono stati publicati da Time Magazine, Stern, L’Espresso, Das Magazin, Internazionale, The Baltimore Sun e altri giornali e quotidiani. Ha vinto diversi premi, tra cui il 2013 Alexia Student Grant e il 2013 Ville de Perpignan Remi Ochlik Award ed è stata nominata 2013 College Photographer of the Year da POYi. Ha un particolare interesse nel documentare problematiche legati alla sessualità.

Sito internet: www.saranaomiphoto.com